Silvano Salvadori: Beethoven e Vannicola

1

 

Leggendo l’esaltazione del genio di Beethoven di Vannicola non può non venire in mente il monumento che Klinger gli eresse, dopo diciassette anni di lavoro, e che fu oggetto di tanta venerazione da essere al centro di un’apposita esposizione nel 1902 nel Palazzo della Secessione di Vienna. Fu un evento di “arte totale”: Hoffmann predispose la scenografia, Klimt dipinse il fregio ispirato all’, Malher ne diresse l’esecuzione mentre Isidora Duncan ballava. Il regno della musica proclamava il suo primato sulle arti come manifestazione diretta dello Spirito. Continua a leggere

Annunci