Michail Nicolaevic Semenov: Bacco e sirene

 

Semenov_Pagina_1

 


Quando mi trasferii definitivamente all’estero e in se­guito capitai per caso in Russia, fui invitato a colazione da uno dei miei cognati nella sua proprietà presso Mosca.

La colazione era gustosa, abbondante, ma niente di straordinario.

— Come trovi il mio cuoco ? – mi domandò il cognato.

— Non c’è male.

— Come, non c’è male ? Ma da me c’è come cuoco il tuo Nicandro.

Non credendo, corsi in cucina.

Davanti a me, sull’attenti, stava Nicandro.

— Salve ! Michail Nicolaevic.

— Salute, Nicandro. Ma cosa ti è accaduto?

Mi capì a volo.

— Ma che volete che faccia! Ignoranza completa. Non capiscono niente. Si attaccano alla medesima cosa e così mangiano ogni giorno. Ti passa anche la voglia di la­vorare !

Povero Nicandro !

Gli ho dato molto posto nei miei ricordi, e non mi rin­cresce. Lo merita!

All’autunno partimmo per Mosca, ove rimase la mia famiglia, ed io solo mi recai all’estero, a Roma.

Non so il perché, ma io mi sento come più leggero e gio­ioso quando mi accingo a scrivere della mia vita in Italia, benché anche qui, come si vedrà dopo, fui destinato ad at­traversare qualche periodo assai penoso.

Continua a leggere

Annunci